Italy: Bologna - San Lazzaro - Castel San Pietro Terme - Riccione - Mirto Crosia

Difetti visivi

La miopia è un difetto refrattivo che si manifesta con una difficoltà nella visione per lontano. Quando la cornea ha una curvatura troppo pronunciata per la lunghezza dell’occhio, i raggi luminosi vanno a fuoco davanti alla retina, anziché su di essa. Può insorgere per fattori genetici e ambientali ed in circostanze particolari come la gravidanza. Tradizionalmente la miopia viene corretta con occhiali o lenti a contatto. Si può però intervenire in modo sicuro ed efficace con la chirurgia refrattiva che riesce a correggere questo difetto della vista eliminando o riducendo la necessità di occhiali e lenti a contatto.

L‘ipermetropia è un difetto refrattivo che si manifesta con una visione sfocata delle immagini vicine. Quando la cornea ha una curvatura non sufficiente per la lunghezza dell’occhio, la luce si concentra oltre la retina. Si può essere inconsapevoli del difetto in quanto in giovane età il cristallino ha una grande flessibilità di messa a fuoco. A lungo andare però questo provoca un affaticamento del potere accomodativo, inoltre con gli anni la capacità di messa a fuoco diminuisce e l’ipermetropia si rende più manifesta. Tradizionalmente l’ipermetropia viene corretta con occhiali o lenti a contatto. Si può però intervenire in modo sicuro ed efficace con la chirurgia refrattiva che riesce a correggere questo difetto visivo eliminando o riducendo la necessità di occhiali e lenti a contatto.

Nell’occhio astigmatico la curvatura di un meridiano corneale è maggiore rispetto al suo corrispettivo perpendicolare. Le immagini vengono messe a fuoco in modo disomogeneo e questo ne provoca la distorsione. Questo difetto visivo può essere associato alla miopia o alla ipermetropia. Tradizionalmente l’astigmatismo viene corretto con occhiali o lenti a contatto. Si può però intervenire in modo sicuro ed efficace con la chirurgia refrattiva che riesce a correggere questo difetto eliminando o riducendo la necessità di occhiali e lenti a contatto.

La presbiopia è un difetto della messa a fuoco da vicino che dipende dalla perdita di efficacia dell’”accomodazione”, cioè la capacità del cristallino di mettere a fuoco immagini distanti circa 30 – 50 cm. Questo difetto visivo riguarda tutti e si manifesta in genere dopo i 45 anni di età. Senza occhiali diventa difficile leggere, comporre i numeri del telefono, usare il computer, insomma svolgere le normali attività quotidiane che richiedono la visione da vicino. Il tutto diventa ancora più problematico se già si usano gli occhiali per correggere la miopia, l’ipermetropia o l’astigmatismo, perché si deve ricorrere ai doppi occhiali o alle lenti multifocali.

In questo campo il laser è sicuramente il futuro, perché con le nuove tecnologie disponibili si possono effettuare interventi di una precisione assoluta. E’ disponibile l’unico programma che ha ottenuto il marchio CE per la correzione della presbiopia in associazione alla correzione di un difetto refrattivo. La procedura laser si chiama SUPRACOR, è rapida, sicura ed efficace.
L’intervento comprende due fasi distinte: la creazione del flap corneale superficiale utilizzando il Laser  a Femtosecondi e il rimodellamento della curvatura corneale con il Laser a Eccimeri, creando una piccola multifocalità sulla superficie corneale centrale che permette la messa a fuoco durante la lettura senza dover utilizzare gli occhiali da vicino. La selezione del paziente è però molto rigorosa. Non tutti i candidati all’intervento, infatti, risultano idonei, dovendo prendere in considerazione in quest’ottica molteplici aspetti e caratteristiche anatomiche della cornea, del bulbo oculare e del film lacrimale.