Italy: Bologna - San Lazzaro - Castel San Pietro Terme - Riccione - Mirto Crosia

Laser Retinico

Presso lo studio del dr. Muraca è disponibile da soli pochi mesi il Laser Giallo Retinico Micropulsato.

Laser retinico maculare

Il laser giallo micropulsato può essere utilizzato per favorire il riassorbimento di liquido che si accumula nella retina centrale (macula) e che può essere causa di grave deficit visivo. Questo tipo di tecnologia, detta micropulsato in quanto rilascia micro-impulsi, consente di trattare la maggior parte delle patologie edematose della macula. L’effetto terapeutico del laser consiste nella distruzione delle cellule che consumano ossigeno, fotorecettori (FR) ed epitelio pigmentato retinico (EPR), diminuendo quindi lo stato di ipossia della retina. Questo effetto terapeutico è oggi alla base delle moderne terapie farmacologiche corticosteroidee e anti-vegf in grado di ridurre l’edema senza danneggiare i fotorecettori. Con i laser convenzionali non è possibile agire direttamente sulle cellule bersaglio, cioè l’EPR, senza inevitabilmente danneggiare anche il neuroepitelio. E’ noto infatti che la maggior parte dei fattori di crescita angiogenetici sono prodotti direttamente dall’EPR. Da qualche anno si è iniziato a parlare di trattamento sotto-soglia per indicare la produzione di un danno intraretinico non visibile.

Il trattamento è indolore, veloce e sicuro. Il laser micropulsato oggi costituisce una nuova ed efficace terapia  per l’edema maculare diabetico e per numerose altre patologie maculari (corioretinite sierosa centrale, epiteliopatia cronica, maculopatia essudativa…)

LaserGiallo

Nella prima fila, l’immagine centrale raffigura la macula edematosa di un paziente diabetico. L’immagine centrale della seconda e terza file mostra come l’edema si riduce a 3 e 6 mesi dal trattamento laser.

Procedura Laser:

Vengono instillate delle gocce di preparazione di collirio midriatico per una buona dilatazione pupillare necessaria per il laser. Poco prima vengono instillate altre goccine di collirio anestetico. Il laser si esegue seduti davanti ad una lampada a fessura come in una normale visita oculistica per il fondo dell’occhio, mediante l’aiuto di una speciale lente di Mainster. Subito dopo la seduta di laser, il paziente potrà avvertire abbagliamento, senso di stordimento, capogiro e senso di nausea. Tutte queste sensazioni si risolvono nel giro di 10/20 minuti. Successivamente il paziente potrà essere dimesso e potrà recarsi a casa, è necessario solamente un paio di occhiali da sole scuri. L’unica accortezza richiesta dopo la seduta di laser sarà instillare gocce di collirio antinfiammatorio per 3 volte al giorno per i successivi 5 giorni.

laser-oftalmico